Alimentazione ed anziani: Decalogo per la terza e quarta età
a cura del Prof. Pietro A. Migliaccio
Tratto dal Work-shop “Cibo e salute nella III e IV età, fra bisogni, opportunità, e qualità della vita. Un incontro fra esperti per indicazioni, iniziative e comunicazione sociale” organizzato e promosso dal Segretariato Sociale della RAI in collaborazione con il nostro studio.

Roma, sabato 27 gennaio 2001, Sede Rai, Viale Mazzini, 14

Premessa:

A  Invecchiare bene è possibile. La longevità si conquista anche a tavola.
B  Il sovrappeso e l’obesità rappresentano un fattore di rischio per la salute ed aggravano tutte le patologie dell’anziano

 Le Regole alimentari:

1.  Consumare almeno tre pasti nella giornata, e quindi non saltare mai la prima colazione.
2.  Masticare gli alimenti con cura per migliorarne la digestione.
3.  Per evitare la stipsi mangiare tutti i giorni verdure (fresche o surgelate, crude o cotte) ed almeno un frutto di stagione ben maturo.
4.  Bere acqua frequentemente, nel corso della giornata, anche se non si avverte lo stimolo della sete.
5.  Bevande alcoliche? Sì, ma a bassa gradazione (vino o birra), in quantità moderata e possibilmente durante i pasti. Chi non beve alcolici non cominci a farlo ora.
6.  Leggere le etichette riportate sulle confezioni degli alimenti: si potrà conoscere il modo di preparare e conservare il cibo acquistato e la relativa scadenza.

Le Regole di vita:

1.  Coltivare hobby (bocce, gioco delle carte, dama, scacchi, parole crociate, ecc.)
2.  Mantenere interesse per gli avvenimenti e seguire i cambiamenti della società: leggere giornali, libri (anche fumetti), guardar
e la televisione ma ascoltare anche la radio; andare al cinema o al teatro.

3.  Figli, nipoti, parenti ci danno la gioia di vivere. Frequentiamoli!!!